Avisbarberino


Vai ai contenuti

I tipi di donazione


Puoi scegliere tra i vari tipi di donazioni possibili:

Sangue intero,
Plasma (plasmaferesi)
Piastrine (piastrinoaferesi)
Donazione multipla di emocomponenti
Autotrasfusione

Sangue intero - la donazione di sangue intero è quella più diffusa. Il volume di sangue prelevato, a norma di legge, è pari a 450 cc.+/- il 10%. La donazione di sangue dura dai 5 agli 8 minuti.

Plasma - la donazione di plasma (cd. Plasmaferesi) consiste nell'aferesi (termine greco che esprime l'atto del " portar via") cioè l'estrazione dal sangue, attraverso l'uso di separatori celllari, della componente ematica di cui si ha necessità: plasma (plasmaferesi) o piastrine (piastrinoaferesi) La plasmaferesi si esegue con l'impiego di un'apparecchio che preleva il sangue e ne separa le componenti, restituendo le cellule al donatore in un processo continuo, attraverso un unico accesso venoso. La donazione di plasma ha una durata di circa 35- 40 minuti, e si effettua su appuntamento, sia a Barberino che a Borgo San Lorenzo.


Piastrine - la donazione di piastrine (cd.Piastrinoaferesi) consiste nel prelievo delle sole piastrine. Questo tipo di donazione viene effettuato solo a Borgo San Lorenzo presso il Centro Trasfusionale, dove è indispensabile la prenotazioone. La piastrinoafresi ha una durata di circa un'ora e mezzo. Le piastrine vengono impiegate per la terapia di alcune gravi malattie, come per esempio le leucemie, per i pazienti oncologici in chemioterapia e come supporto fondamentale nei trapianti di midollo osseo.


Donazione multipla di emocomponenti - grazie all'impiego di separatori cellulari è possibile effettuare anche donazioni multiple di emocomponenti, come ad esempio:

  • eritroplasmaferesi (donazione di plasma e globuli rossi)
  • eritropiastrinoaferesi (donazione di globuli rossi e piastrine)
  • plasmapiastrinoaferesi (donazione di plasma e piastrine)


Autotrasfusione - è una procedura trasfusionale che consistre nel trasfondere al soggetto unità del suo stesso sangue e si realizza normalmente attraverso il predeposito, una tecnica con la quale si preleva il sangue dal donatore che sarà anche ricevente, per compensare le perdite di sangue che si possono verificare nel corso di interventi chirurgici programmati.


Torna ai contenuti | Torna al menu